Mercoledì, Novembre 22, 2017
  • Italian (IT)
  • English (UK)
  • German (DE)
  • Spanish (ES)
  • French (FR)
   
Testo
image image image image
Forte "Tre Sassi" IL FORTE "TRE SASSI"  “IN TRA’ I SASS” Il forte fu costruito tra il 1897 e il 1901 per sbarrare all’esercito italiano, un probabile accesso alla Val Badia. Il forte fu dotato di cannoni M 98 da 8 cm e due cannoni M 98 da 6 cm in caponiera blindata in acciaio, di quattro mitragliatrici rivolte verso il Sief – Col di Lana e il Passo Falzàrego e di un osservatorio sul tetto.   Leggi tutto
Museo presentazione   Si Dice: La prima vittima della guerra è la verità.....   Questo museo vuole raccontare la storia da parte dei soldati e non dai generali, o dalla politica, da parte dei vinti e non dai vincitori.   Il Museo della I Guerra Mondiale innaugurato il 27 settembre 2002 apre i battenti al pubblico il 12 agosto 2003, il materiale esposto è per la maggior parte di proprietà della famiglia Lancedelli che ne cura anche la gestione. E' frutto di 45 anni di ricerche,    Leggi tutto
Cronologia Storica Dal 1521 con il trattato di Worms; Ampezzo fu assegnata all'Austria. Per 393 anni Cortina fece parte dell' impero Asburgico, vivendo con valori fissati sul proprio stemma "Modo vivo ac tuta quiesco", (Vivo con parsimonia e tranquillo).         Leggi tutto
Informazione museo Orari Museo dalle 10 alle 13 (ultimo ingresso 12,30) dalle 14 alle 17 (ultimo ingresso 16,30) Il museo è aperto tutti i giorni dal 15 giugno al 30 settembre. Maggio, giugno, ottobre: sabato e domenica (chiuso in caso di maltempo). seguiteci anche su: www.facebook: Museo WW1 " Tre Sassi" Leggi tutto

Museo della Grande Guerra

Edelweiss Stellung

Шаблоны Joomla здесь.

Visita guidata al percorso;  "Museo Tre Sassi – Edelweiss Stellung"

 

Prima tappa: VISITA AL MUSEO DEL FORTE

 

E percorso inizia con la visita del forte e del museo sito al suo interno. Qui, il visitatore potrà vedere, armamenti equipaggiamenti, oggetti e vestiario originali, utilizzate dai soldati sul fronte dolomitico. Attraverso le spiegazioni di guide esperte, ogni oggetto avrà una sua storia o aneddoto, la visita assumerà così una forma attiva, catturando maggiormente l'attenzione del visitatore. All'interno del forte sarà inoltre possibile visionare filmati originali, e documentari.

 

Seconda tappa: VISITA DEL PERCORSO BOTANICO

 

Terminata la visita al museo, il visitatore sempre accompagnato da una guida, potrà percorrere il sentiero botanico, che conduce alle baracche del villaggio austriaco " Edelweiss " Il sentiero che dal forte conduce al villaggio, permetterà di ammmirare, fiori e piante tipici delle dolomiti, e con un po' di fortuna vedere anche le simpatiche marmotte. La guida lungo il percorso, potrà dare qualche nozione di tipo naturalistico e geologico, nonché spiegare la toponomastica della zona. Data la bellezza del luogo, con giornate di sole i panorami non mancheranno.

 

Terza tappa: VISITA ALLE BARACCHE DEL VILLAGGIO " EDELWEISS"

 

Qui il visitatore può, visitare un complesso di sei baracche, interamente ripristinate e allestite come all'epoca, vedere la baracca adibita a cucina, il comando, l'infermeria, e i dormitori. Il sentiero continua attraverso i camminamenti che conducono alla trincea di prima linea, con le postazioni per i fucilieri, e le mitragliatrici. In alcuni periodi dell'anno, (agosto) il villaggio viene  "abitato" da Revocatori , (volontari, non sempre presenti) che fanno rivivere il villaggio, inscenando situazioni di retrovia. Il fabbro e il calzolaio come il falegname saranno all'opera, nell'infermeria si può vedere, l'intera attrezzatura dell’ ufficiale medico, mentre le trincee sono presidiate da soldati interamente equipaggiati. Al visitatore sarà data la possibilità di indossare un elmetto, una mantellina e sentire la pesantezza di un fucile, o il peso di uno zaino. Qualche volta quando viene organizzato un evento,  si potrà gustare il rancio fatto come all'epoca, o assaggiare il liquore che i soldati bevevano prima di ogni assalto. Sicuramente anche il più profano, dopo un percorso del genere, avrà sicuramente acquisito, un minimo di nozioni, e se non altro provato un'esperienza viva e emozionante. Alla fine del percorso ci si potra dissetare alle sorgenti di acqua pura e limpida che sgorga dalle profondità delle rocce. Attorno alle sorgenti nel 1981 Loris Lancedelli trovò le prime selci Paleolitiche, con punte di freccia, raschiatoi, e lame, trasportate da cacciatori di 7000 anni fa che transitavano in zona. Già allora si abbeveravano a questa fonte. Oltre che cacciare gli orsi e camosci che si presentavano in zona. Le selci si possono ammirare al museo dove sono conservate. Al ritorno si può raggiungere il lago di Valparola, seguendo la Strada della Vena, dove nel passato da Colle di Santa Lucia alla Malga di Valparola venivano trasportati i minerali di ferro estratti dalle miniere del Fursil di Colle di Santa Lucia. Nelle malghe di Valparola il materiale grezzo veniva raffinato e creati lingotti di ferro, mandati al vescovo di Bressanone. Con una breve ulteriore passeggiata si raggiunge il rifugio di Valparola, dove si potrà gustare deliziosi manicaretti. Serviti dalla famoglia Trebo Elio, e la sempre gentile Carmen con figlia Raffaella.

 

лимузин на свадьбу.

Carrello

 x 

Carrello vuoto

Rifugio Valparola

valparola

Vai al sito Rifugio Valparola

Contatore Visite

1980208
Oggi
Ieri
Questa settimana
Ultima settimana
Questo mese
Ultimo mese
Tutti i giorni
1460
2762
6974
1943145
80079
77432
1980208

Login Form